Shadow ban su Instagram è una delle realtà più mistiche e frustranti che possono accadere al tuo account, soprattutto se stai cercando di far crescere il tuo Brand. Nonostante migliaia di utenti affermino di essere stati vittime di questa misteriosa misura disciplinare, il team di Instagram non ha mai confermato o smentito la pratica di limitare la capacità di un account di raggiungere nuovi follower attraverso lo Shadow ban.

Quindi cos’è esattamente e come puoi evitarlo? In questa guida tratteremo di tutto, dalle pratiche preventive e gli hashtag vietati ai suggerimenti per revocare uno Shadow ban se ti trovi sotto uno di esso.

Shadow ban Instagram: che cos’è?

Con Shadow ban si intende quando l’algoritmo di Instagram segnala il tuo account per aver violato le linee guida della community e impedisce la visualizzazione dei tuoi contenuti a livello organico. Un account Instagram in Shadow ban è praticamente invisibile ai nuovi follower, in particolare nella pagina dei risultati di ricerca degli hashtag.

Shadow ban: come fai a sapere se ne sei vittima? 

Ciò che rende uno Shadow ban Instagram così frustrante è il fatto che probabilmente non scoprirai mai se ne sei vittima. Instagram non ti avvisa se sei stato segnalato, quindi sta a te scoprire se sei penalizzato oppure stai pubblicando contenuti poco virali.

Ci sono molte idee sbagliate sullo Shadow ban di Instagram, anche tra i Social Media Manager o consulenti: il principale è che una diminuzione delle persone raggiunte e dell’engagement sia dovuta a una penalizzazione della piattaforma. Un minor numero di like e commenti potrebbe essere da imputare al Social Media oppure alle costanti modifiche all’algoritmo che ha sempre una copertura organica minore. Quindi fai attenzione: un calo delle prestazioni dei post di Instagram non significa necessariamente essere colpiti dallo Shadow ban!

Se comunque hai notato che i tuoi post da qualche tempo raggiungono solo un numero esiguo di follower, potresti voler utilizzare uno dei seguenti metodi per scoprire se sei stato sottoposto a Shadow ban.

Metodo 1: ricontrolla i tuoi hashtag

Una delle ragioni più comuni per essere sottoposti allo Shadow ban, di cui parleremo più dettagliatamente di seguito, è l’utilizzo di un hashtag non funzionante o vietato. Instagram ha raddoppiato nell’ultimo periodo i suoi sforzi per rendere l’app uno spazio più sicuro per tutti Di conseguenza ha segnalato molti hashtag per scoraggiare gli account a pubblicare contenuti inappropriati che violano le linee guida della community.

Per assicurarti che il tuo account non sia associato a un hashtag non funzionante o bannato, controlla le pagine dei risultati di ricerca di tutti gli hashtag utilizzati negli ultimi 10-15 post. Se incontri un avviso che indica che i post che utilizzano questo hashtag sono nascosti per motivi di sicurezza, l’hashtag è considerato bannato.

Metodo 2: usa un test Shadow ban di Instagram

A seguito dell’aumento degli Instagram Shadow ban negli ultimi anni, alcune aziende affermano di essere in grado di testare il tuo profilo per vedere se il tuo account è stato segnalato o meno. Sebbene la legittimità di questi strumenti non sia riconosciuta da Instagram stesso, potrebbe rivelarsi utile vedere cosa scovano tali servizi.

Triberr è uno strumento che molti utenti hanno utilizzato per controllare lo stato dei propri account. È un test gratuito che controlla gli hashtag dei tuoi ultimi 10 post per determinare la probabilità che il tuo profilo Instagram sia su Shadow ban. Dovrai utilizzare il tuo computer desktop per sfruttare questa risorsa.

Metodo 3: chiedi l’aiuto di un amico 

Se vuoi essere sicuro al 100% che il tuo account Instagram non sia soggetto a Shadow ban, allora dovrai vedere come vengono visualizzati i tuoi contenuti dal punto di vista di un non-follower. Per farlo, chiedi a un tuo amico/a di smettere di seguirti o di creare un nuovo account. Entrambe le opzioni vanno bene, l’importante è che l’altra persona non ti segua. 

Quindi: crea un nuovo post utilizzando gli stessi hashtag che hai utilizzato in passato, accedi all’account del non-follower e vai a una delle pagine hashtag utilizzate, poi controlla se appare in “Recenti”. Se non vedi il tuo post, attendi cinque minuti e ricontrolla. Idealmente, dovresti provare questo metodo con almeno 3-5 account dall’account del non follower. Se il tuo post non viene visualizzato, significa che sei stato bloccato.

Shadow ban Instagram: perché sei stato bannato

I motivi per cui alcuni account Instagram possono essere soggetti a Shadow ban non sono noti: anche Meta ha più volte comunicato che non esiste un vero e proprio ban. Nel corso degli anni, però, come esperto di Social Media ho individuato alcune ragioni per cui alcuni account vengono segnalati, portando a una riduzione della visibilità dei loro contenuti.

Ecco le cause più comuni di uno Shadow ban:

  • Hai violato una delle Linee guida della community di Instagram;
  • Stai usando hashtag vietati o non funzionanti;
  • Ti stai impegnando in un modo che l’algoritmo determina essere spam, come acquistare follower o utilizzare ripetutamente gli stessi hashtag;
  • Il tuo account viene continuamente segnalato;
  • Hai raggiunto il limite di attività giornaliere di Instagram.

Come rimuovere lo Shadow ban su Instagram

Se ritieni che il tuo account sia stato oscurato, ci sono alcune cose che puoi fare per tornare nelle grazie di Instagram.

Rimuovere gli hashtag rotti

Rivedi gli hashtag che usi di solito nei tuoi post: stai usando hashtag non funzionanti o bannati? In tal caso, rimuovili da tutti i tuoi post e assicurati di non utilizzarli più in futuro. Anche se l’hashtag appare in un commento sotto il post, deve comunque essere rimosso.

Rispettare i limiti giornalieri 

Instagram consente un massimo di 500 azioni al giorno divise in diverse sottocategorie. Il tentativo di eseguire oltre 500 azioni potrebbe avvisare l’algoritmo, contrassegnando la tua attività come generata da un bot e segnalare il tuo profilo come attività sospette.

Le sottocategorie sono divise così:

  • Mi piace” ai post: massimo 120 all’ora, o 300-500 al giorno;
  • Numero di commenti ai post: 200 al giorno;
  • Tempo “umano” tra un like e l’altro; 
  • Tempo “umano” tra un commento e un altro;
  • Numero massimo di following: 7.500;
  • Smettere di seguire qualcuno: 60 persone all’ora, 150 al giorno;
  • Storie: massimo 100 al giorno.

Al momento non è stato identificato un numero massimo di post come invece alcuni “esperti” dicono, ma ti consiglio di aspettare almeno 15 minuti tra un post e un altro. Ovviamente queste sono le linee guida, ma se una volta ti capita di superare i limiti sopra descritti non preoccuparti… non succede nulla di grave!

Come prevenire lo Shadow ban di Instagram

Indipendentemente dal fatto che tu sia stato vittima o meno dello Shadow ban di Instagram, è consigliabile adottare alcune pratiche preventive per mantenere visibile il tuo account.

Evita qualsiasi pratica losca

Instagram sta attivamente cercando di liberare la sua piattaforma da sospetti account di spam. Per evitare di rientrare in quella categoria, non devi partecipare ad alcun comportamento di spam sui social media, come ad esempio:

  • Acquisto di follower e “Mi piace”;
  • Utilizzo di spambot per mettere “mi piace” e commentare le tue foto;
  • Pubblicazione degli stessi commenti su più post (ad esempio “Fantastico!”)
  • Utilizzo di un programmatore di post di Instagram o altri strumenti di automazione.

Concentrati invece sul coinvolgimento autentico: commenta solo le foto che ti piacciono davvero o di cui hai qualcosa da dire e segui nuovi account che pubblicano contenuti che ti interessano veramente. In ultimo, naturalmente, pubblica contenuti che interessano sia a te, sia al tuo pubblico.

Quanto sapevi del Shadow ban?

“Il marketing migliore è quello che non sembra marketing”.
Tom Fishburne

Trasforma la tua attività in un Brand di successo!
Richiedi la consulenza personalizzata:

Voglio la consulenza