Qualche tempo fa ti ho raccontato tutto quello che devi sapere sull’Inbound Marketing (te lo sei perso? Clicca qui!). Oggi ti spiego il suo opposto: hai mai sentito parlare diOutbound Marketing?

In linea generale, consideralo l’insieme di tutte quelle tecniche di marketing più tradizionali, quelle con cui siamo cresciuti. Senza dubbio ti è capitato di guardare un film su Canale 5 e ti sei ritrovato a sbuffare, più e più volte, quando ogni venti minuti veniva interrotto dalla pubblicità. Proprio sul più bello. Ecco: quello era Outbound Marketing!

Ma conviene approfondire l’argomento con un articolo completo ed esplicativo, quindi… Cominciamo subito a fare un po’ di chiarezza: cos’è l’Outbound Marketing?

Outbound Marketing: definizione e caratteristiche

L’Outbound Marketing è il marketing “tradizionale”, come ti ho anticipato: si tratta di tutte quelle strategie che cercano di catturare l’attenzione creando un’interruzione nelle attività del cliente.

La comunicazione dell’Outbound Marketing è completamente focalizzata sulla promozione del Brand e dei suoi prodotti, in contrapposizione con l’Inbound, che si focalizza invece sul cliente finale. I messaggi, infatti, sono sempre generalizzati e monodirezionali, dall’azienda verso il cliente.

Questo tipo di strategia è definito push, perché letteralmente “spinge” il messaggio pubblicitario verso l’utente finale, interrompendo ciò che sta facendo e senza che lui abbia espresso il suo consenso. Un po’ fastidioso, hai ragione a pensarlo!

Alcuni esempi di mezzi di comunicazione sono quindi gli spot televisivi, quelli che interrompono la partita di calcio, o le pubblicità che si “intromettono” ogni volta che entri su un sito Internet o su un video di YouTube. Per questo viene anche chiamato“interruption marketing”.

I canali dell’Outbound Marketing

L’Outbound Marketing ha l’obiettivo di raggiungere quanti più destinatari possibili, e per farlo sfrutta quei canali che hanno un pubblico di riferimento molto ampio.

Sebbene sia una tipologia di marketing tradizionale e di lunga data, ai canali più classici si sono aggiunti anche quelli legati al mondo di Internet, seguendo le nuove abitudini di consumo. Ecco perché i principali canali sono:

  • La televisione
  • La radio
  • I giornali
  • Le e-mail
  • Le attività di telemarketing
  • I pop-up nei siti Internet
  • Il volantinaggio
  • Le vendite porta a porta.

Dato che questi messaggi si introducono nella vita del consumatore senza bussare, per essere efficaci devono essere d’impatto e chiari: non ti sono simpatici, lo so… ma se pensati a dovere, possono essere davvero efficaci!

Solitamente hanno una vita molto breve prima che il destinatario cambi canale, cestini la mail o chiuda il pop-up: ecco perché devono essere ben strutturati e acchiappare l’attenzione prima che ciò accada.

Outbound Marketing: perché sfruttarne le strategie?

Sono certa che leggendo queste righe avrai iniziato a farti un’idea di quali siano i principali svantaggi e vantaggi di questa tecnica di marketing.

Svantaggi

Prima di tutto, abbiamo capito che la comunicazione outbound è per sua natura aggressiva e intrusiva. I messaggi arrivano al cliente nei momenti più disparati e il rischio è quello di infastidirlo o di trovarlo non disponibile a prestare attenzione: queste situazioni minano o annullano l’efficacia della comunicazione.

Inoltre, in un’epoca digitale in cui siamo sottoposti a una quantità elevata di messaggi push, il cliente vive un sovraccarico di informazioni che si traduce nell’impossibilità di memorizzarle ed elaborarle tutte. Ed ecco il secondo rischio: la possibilità che il tuo messaggio passi inosservato.

Queste problematiche sono tutte superate grazie all’Inbound Marketing, che invece comunica attraverso messaggi personalizzati per i quali il consumatore ha espresso consenso ed interesse.

Vantaggi

Ma quindi, ti chiederai… perché fare Outbound Marketing, se la comunicazione inbound è di gran lunga più accettata e piacevole?

Sorpresa: l’Outbound Marketing è decisamente efficace per fare lead generation!

Oggi come non mai, la creazione di valore per il cliente passa per la relazione che egli instaura con il Brand… e come tutte le relazioni che nel lungo periodo hanno bisogno di cura, dedizione e rispetto – l’inbound marketing -, per poter nascere hanno bisogno di una scintilla.

Serve un trait d’union che unisca le due parti.

E qui entra in gioco l’Outbound Marketing, che è in grado di comunicare con un target di riferimento molto ampio creando l’occasione di conoscenza e stabilendo un primo contatto con i potenziali nuovi clienti. Di conseguenza, gioca anche un ruolo importante nel rafforzamento della Brand Awareness!

Anche a livello logistico, questa strategia di marketing presenta dei vantaggi: trattandosi di messaggi generalizzati, necessitano di una profilazione del target molto meno dettagliata e precisa e richiedono minor tempo nella preparazione. Caratteristiche fondamentali quando hai poco tempo a disposizione, convieni?

In conclusione, Outbound e Inbound marketing non si escludono a vicenda, anzi: vanno utilizzate in maniera coerente tra loro, ognuno con i propri obiettivi e focus, per ottenere ottimi risultati.

E tu, hai mai attuato strategie di Outbound Marketing?

“Se hai più soldi che cervello, puoi concentrarti sull’outbound marketing. Se hai più cervello che soldi, concentrati sull’inbound marketing.”.
Guy Kawasaki

Trasforma la tua attività in un Brand di successo!
Richiedi la consulenza personalizzata:

Voglio la consulenza